Crea sito

Spot di Natale 2020: la ricerca della serenità negli affetti e nel donare

Spot di Natale 2020: la ricerca della serenità negli affetti e nel donare

Riguardavo oggi i post scritti per il Natale 2018 e 2019. Nel 2018, emozione, claim e nostalgia. Con John Lewis che propone alcuni regali sono più che semplici regali. Protagonista è Elton Jhon. È di quell’anno il video non-spot magnifico di Phil Beastall,  Love is a gift that lasts forever cioè L’amore è un dono che dura per sempre.

Nel 2019 al primo posto lo spot di Haford Hardware, che continuo a citare anche nei miei corsi: un giusto equilibrio fra creatività, sorpresa, emozione. Si guarda con il sorriso sulle labbra, è sereno, caldo, intimo. Stupendo.

E veniamo a quest’anno. Già. Un anno particolare, doloroso, che ci regalerà un Natale infettato dal Covid.

Siamo a novembre e i primi spot di Natale 2020 sono già usciti

Ecco Coca Cola. Qui sono gli affetti i protagonisti. Il babbo che fa l’impossibile per portare la lettera della sua bimba a Babbo Natale. Il messaggio: nonostante le avversità ce la faremo.

Lo spot di Natale 2020 firmato da McDonald’s ha come protagonista una mamma single e il figlio adolescente: un percorso per recuperare la dimensione dell’infanzia. Ancora gli affetti. La famiglia, il recupero dei ricordi.

Una delle più grandi catene americane di negozi al dettaglio propone questo spot che ripropone lockdown e malattia. La signora protagonista sparisce per un po’ e la ragazzina non ha più la vicina con cui scambiarsi messaggi dalla finestra. Solo alla fine si capisce che è stata in ospedale, ha vinto la sua battaglia contro il Covid e possono riprendere il dialogo interrotto.

Ma alla fine chi vince quest’anno? Lo spot di Natale 2020 di John Lewis. Perché NON è uno spot di Natale e, nella mia classifica, è al primo posto proprio per questo. La società ha dichiarato che non ha fatto e non intende realizzare uno spot di Natale. Non è il caso, con quello che sta accadendo.

The company is itself reeling from the coronavirus crisis. Earlier this month, it announced that it was cutting 1,500 jobs through a shake-up of its head office functions. The employee-owned retailer had already cut 1,390 roles this year and closed down eight John Lewis department stores and four Waitrose supermarket sites amid the pandemic disruption. Splurging millions on a Christmas ad spectacular after announcing thousands of job cuts could appear distasteful. Now, more than ever, John Lewis has had to read the room.

https://www.thedrum.com/news/2020/11/13/john-lewis-very-different-2020-christmas-ad-we-nearly-didnt-produce-ad-year

E allora eccolo questo piccolo gioiello uscito il 13 novembre – Giornata internazionale della gentilezza. Dedicato al donare, all’aiutarsi a vicenda. Con un grande cuore che unisce, tutti. In fondo, il modo migliore per festeggiare il Natale.