Spot di Natale 2021: umanità e gentilezza

Ed eccoci arrivati a Natale 2021. L’affettività è il tema che pervade la maggior parte dei video realizzati per le campagne pubblicitarie natalizie di quest’anno. Non è una novità, certo: il Natale è emotività, dolcezza, tenerezza, famiglia. Il perdurare della pandemia rafforza in questa direzione i registri della comunicazione, con qualche eccezione …

Umanità

Lo spot di Coca Cola sviluppa il tema della collaborazione, dell’umanità, del fare insieme. Ideato dall’agenzia Dentsu Mcgarrybowen UK e diretto dal regista Sam Brown, riprende la tradizione di Babbo Natale che per portare i doni scende dal camino. Nelle maggioranza delle nostra case, come in quella del protagonista dello spot, però, il camino non c’è.

E allora da dove passa Babbo Natale? L’idea del bambino è geniale: costruire un camino per rendere possibile la consegna dei regali. Comincia da solo, nella sua abitazione, si procura dei cartoni e inizia a costruirlo. Ed ecco che quasi magicamente anche le altre persone che abitano nello stesso palazzo decidono di partecipare alla costruzione. Comprano nastro adesivo, procurano altri cartoni, aiutano a montare piccole luci. Tutti impegnati a costruire questo camino-tubo lungo il quale può essere possibile far scendere i regali. È un lavoro di squadra che fa crescere il camino su su, fino al tetto. Finalmente persone che collaborano, non più isolate nei loro spazi vitali e che, insieme, raggiungono l’obiettivo. Il premio finale è una cena tutti insieme. Il payoff: Le feste sono magiche quando le condividiamo.

Dimenticavo … l’ultimo cartone del camino, ovviamente, ha il brand Coca Cola e nella cena finale tutti bevono dalle inconfondibili bottigliette.

La gentilezza nel Natale 2021

Amazon propone uno spot dedicato alla gentilezza. La giovane protagonista vive una “normalità” solo apparente: le lezioni, la discoteca, ragazzi e ragazze con cui si incontra nella quotidianità. Ma è una situazione di facciata perché, in realtà, soffre di un disagio importante in cui sono evidenti solitudine e fragilità emotiva.

Poi, il regalo inaspettato della vicina mostra alla protagonista la possibilità di vedere quello che la circonda da un altro punto di vista. Una nuova prospettiva che evidenzia la dolcezza di piccole cose come il dare da mangiare agli uccellini, lo scambiarsi un gesto d’intesa per ringraziare, il non essere più sola nella panchina ma condividere un momento di pausa, con gioia. Sì, “la gentilezza è il più grande regalo che si può fare“.

Da menzione anche l’annuale appuntamento con lo spot dei grandi magazzini John Lewis, che mette in scena …

Uno spot sorprendente …

Un’eccezione è certamente lo spot Audi. Il protagonista è un Babbo Natale dall’aspetto manageriale, magro, scarsa empatia, anzi direi quasi “freddo”. Il suo “vice” (ma non doveva essere un elfo?) lo accompagna e gli presenta la sua nuova slitta. “Niente renne?” si chiede per un attimo Babbo Natale, che però abbozza subito. La risposta del collaboratore è inequivocabile: “Benvenuto nel futuro!”

Per finire, un’occhiata ai vecchi post di Natale

e con una piccola sorpresa …

… un’immagine da scaricare e colorare.